25 anni da Capaci: l’italiano al Collège d’Europe in nome di Falcone e Borsellino

Bruxelles, 22 maggio 2017. Quel 23 maggio del 1992 ero a casa, a Sabaudia. Faceva caldo. La mattina ero andata al mare, nel pomeriggio sistemavo libri e materiali dell’università – mi ero laureata a gennaio – con la radio accesa su programmi di informazione. Dal GR1 mi arrivano le voci concitate dei giornalisti che ancora ipotizzano sulla presenza di Giovanni Falcone in una delle auto coinvolte nell’attentato, le cui modalità sanno quasi dell’incredibile. Invece il giudice è lì, con sua moglie Francesca Morvillo, con i ragazzi della scorta, con l’autista che si salva perché sul sedile posteriore: a Giovanni piaceva guidare…

57 giorni dopo, il 19 luglio – sono a Londra per un corso di inglese – stesso destino per Paolo Borsellino e chi lo circonda (fortunatamente Agnese e figli sono lontani).

Già dal mio primo corso di italiano giuridico all’IIC di Bruxelles, nel gennaio 2007, non riesco a trattenermi dal far conoscere agli allievi  la vita e l’operato dei due magistrati che hanno cambiato il destino di silenzio e di omertà dell’Italia del tempo.

E quando – nel febbraio 2014 – al Collège d’Europe di Bruges fanno il loro esordio i corsi di italiano, inaugurati da Beppe Severgnini, le giovani promesse dell’Unione europea, e oltre, sono entusiaste di approfondire la storia e il diritto italiani attraverso il lavoro preziosissimo dei due giudici antimafia.

Difficile esprimere la fierezza – e l’emozione – del 20 giugno dello stesso anno, quando il rettore del Collegio, il prof. Joerg Monar, annuncia, per il settembre seguente, la Promotion Falcone&Borsellino 2014-2015.

E’ Brigitta Horvath, ungherese, master in Relazioni internazionali e diplomazia dell’UE, a chiedermi di realizzare il primo seminario di italiano giuridico e politico al Collège (25 gennaio 2015). «Bisognerebbe attivare stabilmente un corso specialistico di italiano giuridico» sostiene la studentessa della Promotion F&B.  «E’ l’ideale per chi, come me, ha studiato l’italiano all’Università, praticato negli anni ma non certificato a quel livello, cosa che fa il Collège»«Sarebbe interessante introdurre anche seminari di italiano del settore diplomatico: io ho provato a studiare diplomazia italiana all’università, ma mi è stato impossibile a causa dell’inesistenza di testi di supporto, come la dispensa che la professoressa Coccoluto ha preparato e che  mi auguro venga pubblicata presto. Riuscire a capire la politica, la geografia, ma anche la mentalità diplomatica, le pratiche, gli atteggiamenti, il linguaggio, diversi in ogni Paese: c’è una grande potenzialità in tutto questo».

«L’italiano è una parte bella delle attività linguistiche al Collège. Praticarlo a un livello specializzato è un’ottima occasione per noi» conferma Volha Kozhukh, bielorussa, collega di Brigitta. «Durante la Promotion Falcone&Borsellino si è parlato ovunque italiano, anche da parte di chi non aveva un interesse forte e coinvolgente. La nascita dell’Italian Society, poi, ha contribuito ancora più alla diffusione di questa passione italiana: un gruppo aperto anche a noi stranieri. In nome dei due straordinari Patrons, un anno bellissimo al Collège».

«Ho sempre avuto un “affetto” speciale per l’italiano, una lingua elegante, e così romantica… Mi è piaciuto scoprirla e confrontarla con lo spagnolo e la mia lingua madre». Héloise Dubois, francese, master in Studi economici europei nella Promotion Keynes 2016-2017, non ha dubbi: «Voglio raggiungere il livello C2, e questo anno di studio al Collège mi ha messo sulla buona strada. Sono molto grata alla professoressa Maria Cristina per la sua energia e l’entusiasmo inesauribile: l’apprendimento in queste condizioni è una vera delizia. E conoscere nei dettagli il contributo di Falcone e Borsellino è stato determinante per entrare nella storia dell’Italia».

Alexandros Liatsos, ciprota, Promotion Chopin 2015-2016, master in Studi giuridici europei, «intrigato dalla bellezza e dall’importanza della lingua italiana», è stato «un vero onore esplorarla più in  profondità con l’aiuto di un’insegnante talentuosa e di studenti intelligenti provenienti da tutta Europa». «Ho imparato più della lingua e della cultura italiane: ho imparato quante somiglianze esistono tra le diverse lingue, le diverse persone e le diverse società da cui proveniamo. Questo corso ha un posto speciale nel mio cuore e mi ha spinto a diventare una persona migliore e a combattere per un mondo più sano».

Bello sentir dire da Thibault Roy, francese, Promotion F&B – nella sua lingua madre, che non traduco come inno alla pluralità linguistica europea – che «les cours de Prof. Coccoluto allient l’utile à l’agréable. Les leçons sont parfaitement structurées, avec un apprentissage rigoureux de la grammaire et de la conjugaison italienne…mais pas seulement! Elles offrent aussi un enrichissement culturel et personnel avec l’utilisation de supports interactifs variés: chansons, articles de presse, magazines, débats. La professeure est toujours extrêmement investie. Elle n’hésite pas à vous aider quand vous souhaitez explorer un sujet en particulier (poésie, vocabulaire juridique etc). En somme, des cours à consommer sans modération!»

 «La prima cosa che mi viene in mente pensando al nostro corso è che, finalmente, la domenica, ho potuto fare qualcosa per il mio cuore…un qualcosa di molto europeo». Jiri Kratky, Promotion Chopin, master in Relazioni internazionali, è un diplomatico della Repubblica ceca, che ha trascorso diversi anni a Roma e in Vaticano.  «Per me la lingua italiana è la chiave per arrivare all’autenticità della cultura europea… nell’italiano percepisco qualcosa della mia cultura… e mi sento sempre più ‘europeo’».

Daniela Bularda è rumena, master in Relazioni internazionali, Promotion Keynes:  «Al Collège, ho apprezzato molto le dinamiche del corso, un lato umano costante con la nostra insegnante e le nostre belle interazioni. La visione del film su Falcone e Borsellino ci ha proiettato nella lotta contro le reti mafiose degli anni ’80. Anche se con tristezza, mi ha colpito il grande coraggio nell’affrontare gli ostacoli. Quello che ricorderò particolarmente delle loro vicende: se non si riesce a rendere il mondo più felice, almeno possiamo cercare di renderlo più corretto».

Per Simona Pronckuté, lituana, Promotion Falcone&Borsellino, master in Studi politici europei e amministrazione, «l’italiano è una lingua utile soprattutto a Bruxelles, dove tutti parlano inglese e francese, e conoscerlo è un’opportunità in più. Io ho studiato a Parma, ho lavorato a Rimini e a Torino, nel 2007. Al Collège mi è stato possibile praticarlo e approfondirlo».

«Fascinated by the beauty of the Italian culture and language,  I felt extremely lucky when I saw the College was offering us Italian courses with the help of the Italian Cultural Institute from Brussels» afferma in inglese Liana Sandulescu, rumena, master in Diritto durante la Promotion Voltaire 2013-2014. «Learning a new language is always an enriching experience as you are introduced to different traditions and ways of thinking; besides, it is scientifically proven that new grammar structures influence one’s way of thinking. In any event, one thing is certain – it is always a lot of fun!»

«The courses of Maria Cristina were brilliant; she is very lively and always interested of our different backgrounds. I always felt she was happy to be with us and to have a bound with the College of Europe. We were also very happy to study with her. Maria Cristina has so much positive energy and it was a pleasure to be involved in something different from the courses of our departments, something which was very useful and relaxing at the same time».  «The structure of the course was very good, as we did not only grammar exercises, but also innovative exercises – we had photos from newspaper that we had to describe and we also did numerous team activities. I loved that the course always ended with an Italian song that in the end we were singing together. I remember the general enthusiasm when Maria Cristina brought us the lyrics from “Insieme” de Toto Cutugno».

«I have to admit I envy a bit the new promotion as they will have the opportunity to study Italian from the first semester whereas we only started in February. It is very good for the College to support the improvement of language skills and I hope the Italian courses will become a tradition in Bruges».

Per Tobias Kellner, tedesco, Promotion Falcone&Borsellino, «il corso di italiano è sempre stato un buon inizio di settimana! Abbiamo trattato un sacco di argomenti, svolto una serie di attività varie, che ci hanno permesso di imparare tanto, dagli esercizi di grammatica alle prove di canto alle caratteristiche delle regioni, che ci auguriamo di poter visitare  presto».

«Sicuramente la conoscenza dell’italiano consente di fare un passo in avanti per capire l’Europa, il suo passato e il suo potenziale» conclude Volha Kozhukh, «oltre ad aprire le porte per comprendere la realtà odierna in Italia. Sono davvero felice di essere stata studentessa della promozione che porta il nome di Falcone e Borsellino. Ricordando loro, puntualmente penso a tutti gli eroi, magari sconosciuti, che oggi lottano contro la criminalità. E credo che l’esempio di questi due magistrati sia necessario per avere coraggio nell’affrontare le nuove sfide».

Due anni dopo Brigitta si emoziona ancora: «Ricordo di essermi commossa quando sono venuta a sapere il nome della Promotion: l’intitolazione a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino in qualche modo mi ha fatto sentire di essere al posto giusto al momento giusto. Adesso ho la fortuna di lavorare in un edificio della Commissione europea dove c’è una sala a loro intitolata: il primo giorno, vedendo il loro nome all’arrivo, mi si è scaldato il cuore».

«La loro importanza è stata fondamentale per l’avvio di una cooperazione europea e internazionale nella lotta al crimine organizzato. E’ vero, nel 1992 si è conclusa la vita sulla terra di questi due eroi. Ma è cominciata l’epoca della  nostra responsabilità, perché ormai “le loro idee camminano sulle nostre gambe”»

Ubi est societas, ibi est ius. Ubi est ius, ibi est societas

di Maria Cristina Coccoluto

Entrando nell’aula magna della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università “La Sapienza”, a Roma, nel lontano novembre 1985, il concetto che sentii ripetere più volte, in quel primo giorno di lezione, dai professori di Istituzioni di diritto privato e Filosofia del diritto, fu proprio questo.

«Là dove è un corpo sociale organizzato, lì vi è diritto. Dove è diritto, là vi è un corpo sociale organizzato».

Una massima semplice ma essenziale, che mi ha introdotto nel complesso – seppur affascinante – mondo della legge, base del nostro viver civile. E con la quale oggi, a mia volta, introduco puntualmente i miei corsi e seminari di italiano giuridico.

Come l’ultimo in ordine di tempo, lo scorso 29 agosto, al Centro Albert Borschette di Bruxelles, destinato allo SCIC, Servizio di Interpretazione e Conferenze della Commissione europea. Sedici interpreti di diverse nazionalità mi hanno seguito – per ben quattro ore al giorno per cinque giorni – in un percorso storico, giuridico e sociale dalle origini del Regno d’Italia fino all’attuale ordinamento costituzionale della Repubblica, con un primo sguardo (da approfondire nel prossimo futuro) sulle riforme degli ultimi due anni.

Tutti affascinati dalla figura di Alcide De Gasperi, padre della Patria, protagonista indiscusso della storia d’Europa. E dall’italiano del diritto, patrimonio del Belpaese e dell’Unione europea.